Gabriele Rossetti
Vasto 1782 - Londra 1854


 

figlio di Maria Francesca Pietrocola e Nicola Rossetti

 
i suoi fratelli furono: Andrea 1765, Antonio 1770-1853, Domenico 1772-1816, Angiola Maria, Maria Giuseppina, Maria Michele
Spos˛ Frances Mary L. Polidori (figlia dell'esule Gaetano) da cui ebbero:
Maria Francesca 1827-1876
Dante Gabriele 1828-1882
William Michael 1829-1919
Christina 1830-1894
 
 Improvvisatore rinomato, conservatore al Museo di Napoli, carbonaro dal1812, nel 1820 partecip˛ ai moti napoletani, che esalt˛ nella sua lirica; esule dal 1821 a Malta e dal 1824 in Inghilterra, dal 1831 al1847 fu prof. d'italiano al King's College di Londra. Spos˛ nel 1826 Francesca Polidori, figlia di Gaetano. Quasi tutti i suoi versi (Poesie varie, 1806; Odi cittadine, 1820; Iddio e l'uomo, 1833; Il veggente in solitudine, 1846; L'arpa evangelica, 1852) hanno intonazione patriottica o religiosa. I suoi numerosi scritti danteschi (Comento analitico all'Inferno dantesco, 2 voll., 1826-27; La Beatrice di Dante, 1842) insistono tutti sull'esistenza di un linguaggio segreto convenzionale che sarebbe proprio di una setta antipapale, i Fedeli d'amore, alla quale avrebbe appartenuto anche Dante; la Commedia mirerebbe a una riforma politico-ecclesiastica in senso antipapale e Beatrice personificherebbe l'autoritÓ imperiale.
tratto da treccani
 

Centro studi rossettiani

it.wikipedia